c' è pasta per te

   

Dedicato alla pasta

Nei giorni 20/21/22 maggio si svolgerà a Caserta nel cortile dell’Istituto Tecnico Buonarroti in Viale Michelangelo, una manifestazione dedicata alla pasta alimentare intitolata “C’ è pasta per te” organizzata  dall’ITS Buonarroti magistralmente diretto dalla preside De Pippo, in collaborazione con la pro loco di Castel Morrone. La manifestazione sarà un inno al piatto simbolo della dieta mediterranea. Con lo slogan  “Contro il logorio del cibo moderno ” i ragazzi della Buonarroti coadiuvati dai soci della pro loco Morronese, si cimenteranno in sei primi piatti:  gnocchetti e fasuli quarantini”, pasta e patane della nonna”, “Farfalle agli asparagi”, “farfalle ai funghi pioppini”; “pasta alla donna di malaffare” che non è altro che la classica “puttanesca” e la “pasta alla Buonarroti”. I ragazzi hanno fatto le cose in grande, cercando di utilizzare prodotti campani se non a chilometro zero, la pasta infatti sarà la “Reggia”, i fagioli, i funghi e gli asparagi, cosi come parte delle verdure ed anche dell’olio extravergine d’oliva verranno da Castel Morrone,  i pomodori ed i sughi sono di “La Torrente”, cosi come l’acqua che si consumerà è della “Ferrarelle”, ed infine il Buonarroti, fornirà le verdure, che i ragazzi della sezione agraria, coltivano nella serra., curioso il pagamento, dovrete munirvi di una moneta: il “Ficus” coniata dalla Pro Loco di Castel Morrone e utilizzata nelle sue manifestazioni, ci sarà un cambiavalute dove potete cambiare i vostri euro in ficus che spenderete direttamente agli stands di quello che i manifesti descrivono come il “festival della pasta”, il cambiavalute funziona anche in senso inverso, potrete cioè convertire i ficus che non avrete speso, nuovamente in euro.. Un attacco quindi al cibo spazzatura che sempre più alligna fra i giovani, che, dimentichi della tradizione culinaria nostrana, si avvicinano a questi cibi non certamente equilibrati nella dieta.

Non vi saranno secondi piatti o panini, per non togliere spazio alla pasta, ma qualche sfizio per bambini e non certamente lo troverete,: oltre alle ormai onnipresenti patatine, potrete gustare” i ceci fritti” o anche “le verdure in pastella” come pure “e frittelle cu  i cauraciuri” che per quelli che hanno “la lingua nel pulito”, sono i nostri cavolfiori, oltre a questi anche le “verdure in pastella” servite nel classico “cuoppo”, e per finire un dolce che a Castel Morrone si mangia in determinate feste: il riso col latte. Occasione per una serata con amici, per approfittare anche per visitare il museo dell’istituto, oppure il plastico della battaglia del Volturno realizzato dai ragazzi del Buonarroti

Attività